Sono passate alla storia della distribuzione automobilistica italiana per aver preso, nel giugno 2010, la più alta sanzione mai comminata a un dealer dall’Autorità garante del mercato, la cifra “monstre” di 420 mila euro. Il motivo? “Aver commercializzato, dal 21 settembre 2007 e almeno sino al mese di ottobre 2008, numerose autovetture usate (oltre cinquanta, secondo l'indagine della Polizia Stradale, ndr) che indicavano nel quadro strumenti un chilometraggio inferiore rispetto a quello effettivo” (Bollettino Antitrust Anno XX – Numero 22 del 21 giugno 2010).